Gruppo dinamica e struttura – parte 3

Il Gruppo TNT

…continua

La struttura di gruppo ha 2 aspetti ( non è doppia bensì la suddividiamo per facilità di studio) :

area socio operativa;

area socio emotiva,

e 2 finalità:

efficienza del gruppo;

sedare l’angoscia dei membri:

In un gruppo costituito, la posizione del membro nel gruppo stesso dipende dall’interazione di queste due finalità, in altre parole la posizione adempie alle due finalità e la persona gestisce la sua posizione a seconda di come si vive nel gruppo e quali sono gli scopi che vuole raggiungere.

La parte riguardante il compito risponde più o meno alla gratificazione personale; possiamo dire che l’area socio emotiva manifesta com’è vissuta l’area socio operativa.

DIMENSIONE DELLA STRUTTURA DEL GRUPPO

– Orizzontale – tutti i rapporti che non hanno a che fare con il potere: riguarda i rapporti organizzativi (come organizzarsi) ed i rapporti affettivi;

 Verticale – esercizio del potere

 

 

MODIFICABILITA’ DELLA STRUTTURA

E’ modificabile?

di quanto?

la rigidità da cosa proviene?

E’ più o meno modificabile a seconda di :

– quanto lo permette l’istituzione (come l’istituzione vuole quel gruppo)

-a seconda dei legami socio emotivi concreti che si formano.

Le posizioni dei membri sono stabilite dalla stessa istituzione, Se la vita di un  gruppo, così com’è impostata soddisfa la maggioranza dei membri a livello quantitativo oppure soddisfa coloro che hanno forte potere all’interno del gruppo, avremo una struttura tendente alla rigidità.

Importante non è tanto l’aspetto organizzativo ma l’area socio emotiva. Una struttura profondamente rigida tende a bloccare la stessa operatività del gruppo, l’ideale sarebbe la struttura dinamica (quasi impossibile perché richiede che le persone si mettano continuamente in discussione).

Quando analizziamo il gruppo dobbiamo guardare :

  • all’interno – chi è la leadership;
  • all’esterno – con chi ha a che fare.

CONSAPEVOLEZZA DELLA STRUTTURA DI GRUPPO

Una parte della struttura del gruppo della quale non si è consapevoli è quella latente e inconscia (è attiva ed agisce)

La struttura del gruppo è piramidale

 

piramidale

 

latente – consapevole per chi la pone ma inconsapevole per gli altri  – pone nel gruppo un comportamento che è diverso da quello che appare . es : parlare a bassa voce = pensate che sia per farsi capire la realtà è che serve a essere guardato in faccia.

inconscia – comportamenti a cui noi diamo un senso ma che in realtà ne hanno un altro

La struttura del gruppo è una relazione continua tra questi 3 aspetti, il manifesto contiene sempre aspetti latenti e inconsci.

Nel gruppo ci sono sempre desideri, bisogni, sensazioni che ognuno prova ma che non esprime nemmeno a se stesso; questi però influenzano tutti i nostri comportamenti perché li avvertiamo e sentiamo.

Ognuno nel gruppo ricerca le proprie soddisfazioni personali e prendere coscienza di ciò consente, a chi è chiamato a farlo, una migliore gestione del gruppo stesso.

continua….

MyCounselor Manuela Fogagnolo

dinamica di gruppo, formazione, gestione d'aula, gruppo, Senza categoria , , , ,

Informazioni su mycounselor

Sono una Counselor e Mental Coach: da anni, oltre che di counseling, mi occupo della gestione e della formazione del personale. Sono profondamente convinta che in ognuno esista, ben radicato nel nostro essere più profondo, la mappa personale del benessere e del successo. A volte, può capitare, che non seguiamo più la nostra spinta attualizzante, perdiamo l’accesso alle informazioni importanti, e smettiamo di credere di potercela fare. Il mio compito professionale è quello di affiancare le persone fornendo loro gli strumenti per ritrovare il loro tesoro, per valorizzare le loro capacità e competenze . Con passione, energia, ascolto ed empatia aiuto le persone ad aiutarsi. Puoi contattarmi o trovarmi ai seguenti indirizzi: [email protected] - www.mycounselor.it

Precedente Gruppo, dinamica e struttura - parte 2 Successivo COMUNICAZIONE - COS'E' COMUNICARE ?