I quattro accordi

sciamani toltechi

Questa notte ho fatto un sogno; credo molto ai messaggi che ci portano e spesse volte non li seguiamo con la dovuta attenzione.

Mi trovavo nella sala di un castello o forse di un palazzo di nobili, finemente arredato, dal caldo sapore inglese, ricco di libri, fotografie e porcellane. Il padrone di casa, un anziano ed elegante signore, dal bel sorriso rassicurante, prendendomi in disparte, con fare gentile ed amichevole, mi donava un sacchetto trasparente.

Non avevo capito che cosa contenesse e non gli diedi subito la giusta considerazione. Dopo un attimo mi accorsi della luce che scintillava tra le mie mani : 3 piccole statuine dorate, luminescenti, brillavano e riflettevano i colori delle altre due, finemente intarsiate e colorate di rosso e lilla. Si trattava di 3 piccole figure femminili e di 2 oggetti decorati a intarsio. Non so dire se fosse avorio lavorato e colorato o di quale altro materiale fossero composte, so di certo che erano magnifiche. Le tre piccole donne rappresentavano figure femminili di nazionalità diversa, lo potevo capire dagli abiti che indossavano e dalle acconciature dei loro capelli. Gli oggetti invece non so dire esattamente che cosa fossero ma, quasi quasi, mi sembravano le rappresentazioni di una abitazione e di un nido. Sapete quei nidi meravigliosi che certi uccelli tropicali sanno allestire? Spettacoli della natura. Mentre tutta incantata muovevo e maneggiavo con cura questi inaspettati doni, apparentemente fragili e molto preziosi, la voce del mio benefattore, calda e avvolgente, suonò così:  “Ecco i tuoi 4 talenti più uno”.

I miei quattro talenti più uno?

Sono qui ora, sveglia e curiosa che rifletto al messaggio del mio sogno:

Quali sono i miei quattro talenti più uno?

Quali sono i talenti nascosti che possediamo e che dobbiamo rispolverare perché tornino a splendere?

Cosa abbiamo nel nostro profondo, nascosto e dimenticato che altri possono farci vedere se non addirittura donare?

Rifletto sul significato di talento – l’inclinazione naturale di una persona a far bene una certa attività – e penso che tra i miei talenti posso inserire l’ascolto :  io so ascoltare le persone che a me si rivolgono.

e gli altri tre più uno?

Sono un counselor e so accettare incondizionatamente, sono empatica, sono congruente, ho una buona consapevolezza emotiva. Tutto qui? sono questi i miei talenti?

L’anziano signore del sogno non voleva forse aprirmi gli occhi su altro?

Immediatamente penso a tutte quelle situazioni autoindotte che privano  le persone della gioia, portando inutili sofferenze;  con il pensiero torno ad un libro letto tempo fa ed ad un signore sorridente in grado di trasmettere serenità.

Un saggio che mi ha condotto sul sentiero dei guerrieri di pace donandomi un estratto della saggezza tolteca : Don Miguel Ruiz

Il suo libro “I Quattro Accordi” parla proprio di sogno. Gli esseri umani vivono in perenne stato di sogno menzoniero, un sogno che dura tutta la vita se non impariamo ad uscirne.

Dobbiamo scrollarci di dosso  il sistema di credenze limitanti che ci impediscono di vederci per come siamo veramente, un metodo appunto è quello di seguire i Quattro Accordi :

Sii impeccabile con la parola. Parla con integrità. Dì solo quello che intendi dire. Evita di usare la parola per parlare contro te stesso e per sparlare degli altri. Usa il potere della parola in direzione della verità e dell’amore.

Non prendere nulla in modo personale. Niente di ciò che fanno gli altri è a causa tua. Ciò che gli altri dicono e fanno è una proiezione della loro realtà, del loro sogno. Se sei immune alle opinioni e alle azioni degli altri, eviterai di essere vittima di un’infinita sofferenza.

Non supporre nulla. Trova il coraggio di fare domande e di esprimere ciò che vuoi realmente. Comunica con gli altri con la maggior chiarezza possibile, per evitare fraintendimenti, amarezze e drammi. E’ sufficiente questo accordo per trasformare completamente la tua vita.

Fai sempre del tuo meglio. Il tuo meglio cambia di momento in momento, è diverso se sei malato o se sei in salute. In qualunque circostanza, fai semplicemente del tuo meglio ed eviterai i giudizi su te stesso, l’abuso di te stesso e il rimpianto.

Forse il messaggio del mio sogno era di ricordare anche ad altri  i Quattro Accordi per uscire dalle credenze limitanti che ci inducono a soffrire inutilmente  e forse il mio quinto talento è appunto la divulgazione.

Mycounselor Manuela Fogagnolo

Precedente Autostima. Coraggio di essere se stessi Successivo Gli insegnanti di Zen abituano i loro giovani allievi a esprimersi - racconto 1